PoliticalIn

Uno sguardo personale alla Politica

Assurda[mente]

leave a comment »

Per circa una quindicina d’anni sono stato un leale, convinto e munifico sostenitore della Destra Italiana e ciò che sto pensando, e conseguentemente scrivendo, mi appare per tale un’assurdità, in contrasto con ogni mio ideale e logica politica seguita e propugnata fino ad ora.
Eppure arriva un limite oltre il quale non si può continuare a far finta di non vedere il marciume che t’insozza i piedi, laddove scorreva un fiumiciattolo, piccolo ma limpido: giunti a tal punto si deve avere il coraggio di urlare ovvero di morire in disparte.

Ho avuto modo di raccontare in passato la mia adesione a Forza Italia, quando ancora ero un ragazzino, delle lotte per la libertà minacciata, delle delusioni e di tutto il resto: quando ogni mia illusione giovanile era ormai stata soffocata dal tragico incombere della maturità politica, decisi dunque di prolungare la durata dei miei sogni ancora innanzi, sposando la causa di un’ideologia ancora più radicale, più volgare forse, ma divulgata  da gente che credeva in ciò che diceva, senza porre, prima d’ogni altra considerazione, il proprio interesse personale.

Siamo rimasti delle vergini, non tanto perché volessimo preservare la nostra virtù, quanto perché eravamo troppo orrendi oer esser toccati, e questo ci ha salvati.

Non so se qualcun altro prima di lui la pronunziò, ma la sentii dalla bocca di Alfredo Mantica ad una cena, descrivendo il modo in cui l’allora Movimento Sociale Italiano si salvò dalla mannaia giudiziaria che si abbatté sulle forze anti-comuniste durante i primi anni novanta (del secolo scorso).
Ebbene, le vergini si sono messe del trucco a buon mercato e hanno aperto le gambe; sempre più sovente finché l’essere fottute non causa più nessun piacere, né forse attenzione: delle vere puttane.

Corrotti dal potere, dalla luce fuori la caverna, da un piatto di lenticchie calde e da qualche moina, gli esponenti di Destra hanno svenduto al miglior offerente un secolo abbondante di lotte sociali e ideologie legalitarie (ed egalitarie).
Tanto asserviti ormai ai giochi del potere, essi non riconoscono più, o quanto meno non provano vergogna nel compierli, gli atti immorali, ancorché illegali, asserviti al pensiero totale dell’illegalità e dell’immoralità quale stile di vita rivoluzionario, il quale altro non è che un miserimmo tentativo piccolo-borghese di emergere dal grigiore di vite vuote, vacue.

Quindi, cosa mai di tanto assurdo sto pensando di scrivere in questo momento ai miei venti (alle volte venticinque) lettori giornalieri? Una preghiera.
Non prego più da tanto, specie divinità umane trascendenti i principi della conoscenza empirica, ma credo che una preghiera rivolta ad altri esseri simili a me possa sortire effetti maggiori.

La preghiera è “Non votateli!”. Basta accordare il vostro voto a gente che ormai vi usa come vacche cariche di latte; buoi da spremere, macellare e delle cui carcasse sbarazzarsi il giorno dopo. L’avidità e il potere hanno corrotto le menti di questa gente, venuta dal nulla senza nulla, che nel nulla inevitabilmente ritorna: durante il viaggio che li conduce alle proprie origini, acquisiscono un tal senso di superiotà rispetto a ciò che erano, che saranno, insopportabile per la morale comune.

Lo Scandalo delle Liste, di questi giorni è un ennesimo caso di totale mancanza di rispetto per ogni minimo principio di legalità, di opportunità, di moralità e buon senso: sicuri del proprio potere sovrano, questi improvvisati politicanti (arrivisti della peggior specie) hanno creduto che tutto fosse loro permesso, risultando in un globale pandemonio istituzionale, al limite del ridicolo (come disse un giorno Ennio Flaiano “La situazione è tragica, ma non è seria”).

Quindi smettiamo di votare certa gente. facciamogli mangiare un poco di polvere, con contorno d’umiltà. Facciamo capire a tutti costoro che il loro potere e il loro senso malsano della moralità ha un termine, laddove noi elettori lo poniamo. Diciamo loro che non si vince se il costo della vittoria è la nostra anima.

Written by Antonello Provenzano

7 marzo 2010 at 1:43 am

La botte piena… e la moglie?

with 2 comments

Da anni in Italia si hanno notizie di manifestazioni di piazza che vedono coinvolti studenti, ricercatori, professori e compagnie cantanti attorno (contorni di politici di piccolo cabotaggio e furbi che speculano sulla disgrazia), tutti alla ricerca di fondi pubblici per l’istruzione e la ricerca.
Il concetto, di per sè, più che giusto potrei dire essere sacrosanto,  nella visione evoluzionistica della società moderna che, dal movimento futurista in poi, ha nella ricerca scientifica e technologica il suo motore vitale.

E quindi, se condivido il concetto di base, perché dovrei avere qualcosa a che ridire sulle manifestazioni di cui leggo sui giornali o vedo in televisione? Semplice a dirsi: perché non mi ritengo un ipocrita, come quelli che sollevano cartelli e rilasciano interviste attaccando il sistema e gli scarsi fondi, che li obbligano ad essere precari ad vitam.
Il motivo dell’ipocrisia è originato dalla miopia con la quale viene osservato il principio della ricerca, secondo la visione conservatrice della burocrazia statalista (tendenzialmente appartenente al conservatorismo di sinistra, ma radicata anche  in larghe frange della destra progressista), la quale vorrebbe uno Stato munifico di risorse per ricerche pubbliche non finalizzate ad alcun risultato di rilevanza economica.

Sebbene sia un enunciato ricco di moralismo etico, perfetto nel mondo immaginario d’Utòpia, esso non si applica né alla natura umana, né alla realtà delle cose (quanto meno, nel mondo del possibile e reale).

Mi sorprendo ogni volta nell’osservare i [giovani] cervelli in fuga da un’Italia disastrata, priva di possibilità e sbocchi professionali, rilasciare interviste criticando l’assenza di fondi, lo stato dei loro contratti precari presso le università e l’avvilimento nel dovere avere a che fare con il contesto dei potentati e baronati, felici di andare a lavorare all’estero (a ragione, secondo me).
La sorpresa non è data tanto dalle dure accuse nei confronti d’un sistema fatiscente, che è sotto gli occhi di tutti, quanto per la pretesa che tale sistema migliori, rimanendo tale.

Infatti, questi trasfughi (come i colleghi contestatori rimasti entro i confini della Patria natìa) avrebbero voluto finanziamenti, strumenti e anche soltanto un contratto di lavoro stabile, da parte di istituzioni pubbliche, contestando duramente l’apporto del privato nella soluzione della situazione attuale, che snaturerebbe la ricerca pura, fine a se stessa, per riportarla a logiche di mercato e valutazioni di tipo finanziario/economico, laddove, invece, accettano di entrare in strutture universitarie o centri di ricerca privati, che operano da soggetti economici.

Studenti e ricercatori aderenti alla famigerata "Onda", il movimento conservatore universitario

Quando si contesta, infatti, la scarsità di mezzi italiani, portando a termine di paragone la ricchezza di Paesi quali gli Stati Uniti, la Francia o la Germania, si dimentica [volutamente] di ricordare che le istituzioni universitarie e di ricerca sono enti privatistici, che ricevono investimenti da multinazionali a fronte della produzione di risultati tangibili e riutilizzabili.
Massachussets Institute of Technology (MIT), Berkely, Stanford, Columbia, Brown (per rimanere al caso degli Stati Uniti; potrei citare ESC Lille, Sorbone, Sophia-Antipolis in Francia, ad esempio) non sono certo enti di beneficienza che elargiscono fondi in perdita per il gusto della ricerca: investono in ventures private (si pensi all’univeristà di Stanford, azionista di Google e proprietaria, prima dell’acquisizione da parte di Oracle, della SUN Microsystems), ottenendo dividendi da reinvestire nella ricerca di prodotti da rilanciare sul mercato.

La ricerca di Stato non ha mai portato a nulla, concreto (leggi: rivalutabile economicamente) o meno: nel momento, però, in cui il modello privatistico viene suggerito per riequilibrare il divario con gli altri Paesi, subito barricate, bottiglie moltov contro la polizia, occupazioni e tutto il resto del repertorio sessantottino italiano.

Written by Antonello Provenzano

10 febbraio 2010 at 5:39 pm

Pubblicato su economia, società

Tagged with , ,

Adulanza

leave a comment »

Angelo Mellone

Ieri (venticinque gennaio duemiladieci) è capitato che leggessi un articolo su Il Foglio, a firma di Camillo Langone, molto acre e irriverente, tutto votato all’attacco di Angelo Mellone, noto giornalista, opinionista e recentemente presentatore, proveniente, se non più appartenente, all’area riformista delle destra italiana, reo di essersi prostrato ai piedi del principe Fini, barattando la propria onestà intellettuale in cambio di un futuro posto da sottosegretario, consigliere d’amministrazione RAI, o simil cosa.

Devo dire che conosco Angelo, seppur virtualmente (Facebook è una grande risorsa per tutti coloro i quali vogliono poter dire “lo conosco!”), da qualche tempo, e lo leggo da molto più tempo (ad oggi potrei dire una diecina d’anni, quando pochi sapevano chi fosse), ritenendolo un valido esponente della destra culturale italiana: contornati dai vari De Angelis di turno, spaccateste e  nostalgici dell’era post-fascista (altresì detta neo-nazista) della Repubblica di Salò, Mellone mi è subito apparso illuminante e moderno, anche perché, dopo anni di ideologi di destra che a malapena sapevano coniugare il verbo essere in un corretto italiano.

Non appartengo alla schiatta di coloro i quali ragionano secondo il principio post hoc ergo propter hoc (“dopo di ciò quindi a causa di ciò”), che nel caso in questione vorrebbe che le accuse di Langone siano vere, riducendo qualunque azione al suo effetto; ciò non di meno ho notato negli ultimi tempi un ammorbidimento nelle posizioni propagandate da Angelo Mellone (per dire di colui di cui si sta trattando: la stessa critic la muovo anche a Filippo Rossi, Franco Bechis e altri), speculando il comportamento del leader, ormai caduto in disgrazia presso i suoi, della destra italiana (Fini, ndr), in contraddizione con molte delle posizioni fondamentali che contraddistinguono le ideologie classiche (es. aborto, eutanasia, famiglia, cittadinanza).

Noto sempre di più e con sempre maggior angoscia un fenomeno adulatorio nei confronti del potente impossessarsi della destra italiana: seppur un mal-costume tipico del nostro popolo (da uomo del sud posso testimoniarlo maggiormente), per decenni l’ambiente cultural-politico della Destra ne era rimasto immune, contraddicendo il principio del conservatorismo ossequiante, elevandoci alla stregua di gente sempre in lotta col potere, impermeabili ad ogni corruzione morale o pecuniaria (non per niente, quello che allora era il Movimento Sociale Italiano uscì dalla fase di Tangentopoli come unico non toccato da alcuna inchiesta).

Sandro Bondi, il prototipo del nuovo modello di "ossequiante" al potere

L’avvento di Silvio Berlusconi sulla scena politica, vieppiù nelle fila del centro-destra, ha galvanizzato molti (me compreso, da principio), facendo ritenere che l’avvento d’un nuovo messia, dopo il Duce, fosse ormai giunto e che saremmo stati tutti condotti alla vittoria contro i demoni del comunismo e la follia delle conseguenze che esso avrebbe apportato alla nostra Patria.
Ma questa venuta e gli anni che ne sono seguito hanno sconvolto grandemente il nostro concetto di purezza intellettuale: uomo pragrmatico (ghe pensi mi) e di scarsa cultura personale, il Cav. non ha mai amato, come molti imprenditori del suo rango, la presenza di chiunque non sia d’accordo con le sue scelte, il quale viene immediatamente emarginato per non apportare nocumento all’immagine del leader; nel tempo, tale prassi ha condotto ell’emersione di mediocri uomini, privi di ogni morale o ideologia (si parla oggi di politica post-ideologica per definirne il comportamento), che infoltiscono le schiere adulanti personaggi, aspiranti nella benevolenza del signore del partito.

Corruptio optimi pessima

Così l’appiattimento di ogni discussione politica ha annichilito ogni elaborazione, facendo ormai ritenere gli opinionisti e i giornalisti dei semplici esecutori di comandi superiori, assimilati a compiacenti divulgatori del pensiero dominante: non se ne abbia a male, quindi, Angelo Mellone se quell’iconoclasta di Langone, finché ancora non omologato a voce di partito, lo attacchi tal duramente (magari facendo affidamento solamente sulla realtà da lui percepita): le critiche fanno male e sono irritanti, vieppiù se avvertite come ingiuste, ma aiutano a vedere ciò che non riusciamo più a notare.

Written by Antonello Provenzano

26 gennaio 2010 at 1:37 pm

Pubblicato su politica, società

Tagged with , ,

Termini al termine (finalmente)

leave a comment »

Quando si viaggia sull’autostrada [regionale] che va da Palermo a Messina, poco dopo l’uscita di Villabate, s’iniziano a scorgere delle ciminiere bianche e rosse a strisce orizontali, che vanno definendosi man mano che vi si avvicina: sin da quando ero un bambino, e con la famiglia andavamo in villeggiatura in una casa sul mare vicino Cefalù, le ho osservate dal finestrino della macchina, incuriosito e talvolta affascinato dalla possenza e dal singolare aspetto.

Quelle ciminiere, scoprii in età più matura, erano in realtà l’unico segno dell’industrializzazione nell’occidente Siciliano: si ergono ancora (e per poco inoltre) nel mezzo di un deserto di capannoni industriali cadenti, vuoti e scheeletrici, che muovono sulle labbra un sorriso isterico quando si legge sulla strada l’indicazione “Zona Industriale”, con riferimento all’area in questione.

Per decenni l’attività principale del territorio circostante è stata la produzione  di automobili FIAT (a onor del vero: di pessima qualità) e Lancia, la qual cosa ha incrementato la popolazione dei comuni circostanti (Termini Imerese, Villabate e Bagheria), attirando villici da ogni angolo della Sicilia occidentale, in cerca del posto fisso in fabbrica.
Al fine di fomentare tale afflusso, innegabilmente per motivi elettoralistici, i potenti signori del territorio (deputati regionali, nazionali e sindaci) hanno spinto forzosamente la Regione  Siciliana a fungere da ufficiale pagatore e corruttore, nella misura in cui, camuffati da incentivi e altri sgravi fiscali, ha corrotto l’azienda torinese, da sempre in crisi per la scarsità delle vendite dei propri modelli, purché continuasse la produzione sulle rive dell’Imera.

Sergio Marchionne, il nuovo Signore di casa FIAT

Gli Agnelli, è noto, sono gran brutta gente, e da tanto ormai (sebbene con buoni matrimoni nobiliari si siano affrancati e innalzati al rango di nobili borghesi, come i loro omologhi americani, originariamente trafficanti di alcohol, i Kennedy): è noto uno scambio epistolare tra il Duce del Fascismo (Mussolini, insomma) e il Cavaliere Giovanni Agnelli, nel quale il secondo pietiva fondi pubblici (già un secolo fa!), minacciando il primo, e questo di rimando minacciava scioperi nelle fabbriche da parte del sindacato fascista. In varie occasioni Mussolini ebbe modo di lamentarsi con i suoi collaboratori delle insistenze dell’industriale torinese, riducendolo a un pietente incapace.
I decenni son trascorsi, ma lo stile Agnelli non è cambiato: fondi pubblici, a fronte di impieghi di amici e clientes dei vari potenti di turno: un circolo del vizio che ha funestato le casse pubbliche, contribuendo in grande misura al disavanzo nazionale.

Ebbene, a un certo punto della nostra storia arriva d’improvviso una crisi economica, e conseguentemente industriale, senza pari da quasi un secolo: si devono dismettere tutti i rami secchi e puntare sul tronco vivo.
L’illuminato nuovo signore di casa Agnelli, Sergio Marchionne, elabora una strategia molto concreta, al fine di superare l’imprenditoria statalista: pone fine alle clientele e punta sulla qualità e quantità della produzione. Ergo, lo stabilimento di Termini Imerese non è più necessario, in quanto gestito male, improduttivo e costoso, a favore di quelli polacco di Gdànsk (Danzica), dove con metà dello stipendio di un metalmeccanico siciliano, il suo omologo polacco produce un terzo in più.

Per quanto personalmente trovi ripugnante l’idea di sovvenzioni statali (leggasi, ad esempio, “incentivi per la rottamazione”) atti a finanziare altri sistemi economici (nell’esempio sopra citato, quello polacco), non posso negare che sia del tutto logico che una società privata tenda al profitto e razionalizzi i sistemi produttivi.
Una separazione amichevole tra Stato Italiano (o Regione Siciliana) e Agnelli è quanto di meglio ci si possa attendere ad oggi, nella speranza che il divorzio sia reso definitivo presto, vista anche la recente acquisizione di importanti mercati stranieri da parte della FIAT-Marchionne.

Written by Antonello Provenzano

12 gennaio 2010 at 12:57 pm

Capisc’

leave a comment »

Il terrorista rosso Cesare Battisti, modello dell'ingiustizia italiana, secondo francesi e brasiliani

Il terrorista rosso Cesare Battisti, modello dell'ingiustizia italiana, secondo francesi e brasiliani

La bellezza della generalizzazione sta nel fatto che con pochi, semplici, concetti e scarse parole si può definire un intero contesto, sia esso un gruppo di individui, situazioni, ma più spesso (alle volte odiosamente) popoli sconosciuti: si va dei neozelandesi, conosciuti solo per l’haka, ai francesi noti per le baguettes, e naturalmente gli italiani, con la a pizza, il mandolino e la Mafia sotto braccio.
La spietatezza fredda e razionalizzatrice, tipica dei popoli sassoni, abituati da millenni a dividere pragmaticamente e barbaramente in due  ogni realtà, ha abituato il mondo intero a non approfondire più nessuna conoscenza, anzi ad ogni giudizio di merito.

Quando da bambino andavo negli Stati Uniti trovavo alquanto strano che la gente autoctona (e a St. Louis la gente è indigena sul serio) si sentisse in dovere di biascicare quattro suoni che non risconoscevo: “capisc’! capisch!”. Sorridendo, soddisfatta dello sfoggio di cultura che aveva potuto sbattermi in faccia, sebbene io (per quanto ricordi ad oggi) nemmeno riuscissi a capire cosa stesse sillabando o significando.
Cresciuto un poco ancora, mi sono comunque scontrato con simili fatti, quando in Svizzera mi son sentito dare del mafioso da alcuni arabi miei compagni di stanza del colleggio, più come un complimento che come insulto: gli Italiani (ebbene, non potevano nemmeno immaginare le differenze intercorrenti tra un Siciliano e un Italiano) son tutti fieramente mafiosi, a loro giudizio, vieppiù se si chiamano Provenzano, tanto quanto per alcuni di noi tutti gli arabi sono fieramente terroristi.

Non posso negare che in molte generalizzazioni risieda una radice di verità, tanto più che il fatto che si applichino a noi stessi ci fanno irritare immediatamente, segno che un nervo è stato toccato: è tanto più vero, però, che non dalla radice, ma dalla foglia si giudica un buon raccolto (come il mio buon padre contadino potrebbe confermare).

In questi giorni, dunque, ho sentito sproloqui sulle televisioni di mezza europa (seguo abitualmente TVE, France24 e TF1) sul popolo italiano e sulla pervicace nostra voglia di sangue, di quei poveri combattenti per la libertà che furono i PAC, i NAR e le BR, oggi profughi in Francia o Brasile, essendo noi tutti dei terribili fascisti.
Ho subito, quasi per una forma di masochismo psicologico, le interviste a personalità della cultura francese (bene o male, gli omologhi transalpini della nostra intelighenzia ignorante nazionale d’esportazione), alla ricerca di frasi d’effetto che facciano parlare di se, sfruttando momenti sconosciuti di una storia complessa, di un Paese complesso, che per loro altro non è che un esercizio stilistico e ludico.
Ho pregato che qualcuno dei nostri esponenti politici ribattesse a tono, chiedendo loro (anche in maniera generica) come considerassero il Front Nationel Algerien, il Service d’Action Civique, ovvero l’Action Directe (per essere bipartizan nella citazione anche dei gruppi terroristici francesi): avrebbero mai accettato che qualche attore o scrittore italiano si schierasse apertamente a favore di uno dei suddetti gruppi, che portarono morte e distruzione nella Francia degli anni ’60-’80?

Dovrei realmente non curarmene, ciniscamente riducendo il tutto alle sciocchezze di ricchi annoiati (un poco come molti dei comunisti d’oggi giorno, ma anche d’allora) o nostalgici tragi-comici, eppure non riesco: la simpatia, la tolleranza e persino condivisione di ideali folli, che hanno mostrato le evidenti fallacità anacronistiche, non solo in Italia (ricordate Der Baader-Meinhoff Komplex in Germania, The Weatherman negli USA, o ETA in Spagna), sta rischiando di leggittimare il ritorno a certe forme estreme di contestazione, basate per lo più su assunti falsi.
Le rivendicazioni dei movimenti rivoluzionari degli anni post-bellici, infatti, erano quelle di popoli presuntamente oppressi da regimi dittatoriali fascisti, eletti in base a elezioni irregolari: oggi, più che allora, tali basi ideologiche (ma vorrei più correttamente chiamarli “deliri”, fomentati per strumentalizzarli a fini politici) sono mancanti.
E’ vero, invece, la mancanza totale di ideali della gioventù moderna, assalita dall’apatìa consumistica, che riduce l’essere umano al rango di consumatore, per sfuggire alla quale, inconsapevolmente o meno, si rincorrono vecchi slogan desueti, involontariamente perpetuando lo schema consumistico dal quale si tenta di evadere (laddove la protesta, anche violenta, viene ridotta a una semplice moda da seguire, più che a un’espressione di ideologie).

Ma l’Italia è questo, stando ai nostri cari amici francesi: pizza, mandolino, mafia e terrorismo… Capisc’!

Written by Antonello Provenzano

19 novembre 2009 at 12:55 am

Paura gialla

leave a comment »

Il presidente Mao Zedong, visto da Andy Warhol

Il presidente Mao Zedong, visto da Andy Warhol

La recente crisi economica, alimentata da artefici finanziari di cui tutti ormai, seppur per larghi tratti e senza nessun dettaglio specifico, siamo a conoscenza, ha devastato il nostro modo di vivere (il lifestyle, lo definirebbero gli americani), riducendo le nostre solide certezze d’un tempo in macerie fumanti.
Il sistema attuale, iniziato (come molte delle cose cattive dell’era moderna) negli Stati Uniti d’America, seguito alla fondazione, da parte dei maggiori banchieri dei primi anni del secolo decimo-nono (J. P. Morgan, Rockefeller e i fratelli Solomon, guidati dal senatore Aldrich),   della Federal Reserve, ha mostrato il suo lato fallimentare più e più volte: il fomento di guerre con scandenza decennale, allo scopo di risanare più che arricchire le casse di istituzioni finanziare sempre sull’orlo del baratro, ne è solo la visibile zincaglia. Per colpa di tale sistema,  si è avuto il fenomeno conseguente della mondializzazione, ancor prima della globalizzazione (mirabilmente descritta da Naomi Klein in “No Logo”): l’esportazione di conflitti ed interessi su scala mondiale, per il maggior profitto e la maggiore necessità di economicità.

Personalmente ho perso il conto del numero di crisi, bolle, crack che in un secolo di finanza americana si sono verificate: sebbene quella attuale e quella del ventinove siano le maggiormente visibili, molte e molte altre le hanno precedute (anticipandole, in alcuni casi) e seguite, portando in alto o in basso la nostra società occidentale. Sicuramente posso dire di essere testimone della più grave e più seria crisi economica della mia epoca.

La mondializzazione dell’economia ha avuto anche i suoi effetti benefici, sebbene non per gli europei e per la cultura occidentale, propagandata per secoli come il modello sul quale calibrare tutte le altre. Infatti nazioni, le quali ancora una diecina d’anni fa avremmo considerato appartenenti al terzo mondo economico e culturale (quali Brasile, Vietnam, Nigeria, Pakistan, India e in particolare Cina) oggi assurgono alle posizioni di grandezza che una volta competevano a poche nazioni europee e nordamericane, imponendo nuove leggi, regole e modelli.
Scimmiottando il metodo italiano post-bellico, basato sull’estream povertà,  assenza di regole, qualità e bassi costi di produzione e vendita, questi nuovi giganti dell’economia mondiale stanno distruggendo il sistema produttivo al quale eravamo abituati da qualche decennio.

Effetti collaterali meno piacevoli, che si accompagano al piacevole ridursi dei costi di molti prodotti di largo consumo (giocattoli, telefonini, elettrodomestici, abbigliamento e altro ancora), sono naturalmente la perdita del potere contrattuale che ormai inesorabilmente colpisce i Paesi occidentali (Stati Uniti d’America su tutti), un tempo egemoni, circa temi fondamentali quali economia, clima, risorse energetiche.
In quanto europei, abbiamo patito nel trascorso mezzo secolo la sudditanza politico-economica derivante dalla sconfitta nella seconda guerra mondiale, nei riguardi di americani e russi: di recente stiamo cercando di metabolizzare il declassamento a sudditi di cinesi, arabi e brasiliani, i quali, facendo leva sulla nostra vena consumistica, mirabilmente importata insieme alla democracy, ci ha reso loro schiavi, laddove non si accetta più di pagare qualche euro (nell’ordine delle diecine) in più per acquistare beni futili e ludici.

Così avviene che colui il quale per decenni era stato visto quale l’uomo più potente del mondo, il leader del mondo libero (come amabilmente la propaganda nazionalista lo ha dipinto in testi e pellicole), il Presidente degli Stati Uniti d’America, si debba recare presso un governo dittatoriale (lascio l’analisi del paradosso di essere il leader della democrazia mondiale che viene comandato da una dittatura a gente migliore di me) per pietire concessioni, ricalcando l’immagine dickensiana dell’orfanello Oliver Twist che con la ciotola in mano chiede “signore, ho fame: può darmene un altro poco [di cibo]?”; e costretto ad accettare rifiuti senza poter protestare.
E sotto la punta , tutto il resto dell’Iceberg: nessuna trasmissione televisiva, nessun articolo, nessun saggio, nessuna divulgazione pubblica, deve descrivere le condizioni di vita, le pecche e le manchevolezze, le slealtà e tattiche commerciali immorali attuate da tali Paesi: non si voglia si possano irritare, tirandoci il guinzaglio corto al punto di strangolamento.

Grazie democrazia per avermi ridotto al rango di servo: la libertà mi ha obbligato a spendere per acquisire cose di cui non necessitavo; la cosa mi ha reso schiavo del possesso; il possesso mi ha reso servo di padroni che una volta erano miei servi.

Written by Antonello Provenzano

17 novembre 2009 at 9:42 pm

Pubblicato su economia, esteri

Tagged with ,

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.